Cercare un alloggio in Belgio

/ luglio 29, 2016/ Sopravvivere in Belgio

Al vostro arrivo in Belgio, a meno che non abbiate trovato ospitalità da qualche amico o parente, dovrete affrontare la questione “alloggio”. Per la fase iniziale, i primissimi giorni, potrebbe essere utile cercare una collocazione in qualche Bed & Breakfast,qualche affittacamere o qualche ostello.  Dopodiché, potrete cominciare a cercare un alloggio un po’ più stabile. Trovare un alloggio in affitto in Belgio (sia esso una stanza o un appartmento) potrebbe richiedere un po’ di tempo, sopratutto nel definire quale potrebbe essere la migliore de paese o della città prescelta.

In generale i prezzi nelle grandi città del Belgio sono un po’ piu bassi se comparati ad altre capitali europee.  Esistono grandi variazioni all’interno della stessa città in base ai quartieri prescelti ed in base al tipo di sistemazione (se affittate un appartamento o una stanza di un appartamento). Nelle grandi città come Anversa e Bruxelles un affitto di 400-500 euro è il range per l’affitto di una stanza, mentre per un appartamento si oscilla tra i 600 e i  1500 Euro. Gli affitti si abbassano considerevolmente nelle zone periferiche e nei piccoli centri. E’ facile trovare appartamenti e stanze già ammobiliati. Di solito cucina e bagno sono sempre attrezzati. Per il resto esiste una fitta rete di negozi di mobili usati ma di ottimo stato. Per esempio  www.petitsriens.be.

In Belgio esiste un mercato immobiliare molto ricco e fluido. Moltissimi sono i siti web dove poter cercare qualche soluzione che fa al caso vostro,  per esempio www.immoweb.be, www.immovlan.be, www.logic-immo.be , www.infojeunes.be dove si trovano in maggioranza case e appartamenti e www.appartager.be, piu’ utile nel caso di ricerca di stanze in affitto. Poi abbiamo www.airbnb.com dove privati mettono a disposizione spazi spesso a prezzi modici e per periodi medio-brevi. Per un breve soggiorno anche la rete degli Ostelli della Gioventù (Auberges des Jeunesse) potre essere utile www.laj.be . Nonostante questi siti siano molto attivi, un classico “passaparola” funziona sempre molto bene, sopratutto nelle grandi città e il classico annuncio sulle porte ancora è molto diffuso.

Da notare che le agenzie immobiliari, nel caso optaste per questa scelta, richiedono il pagamento di una mensilità come provvigione al proprietario di casa (locatore) e non all’affittuario (inquilino).

Esistono svariate tipologie di contratto di affitto. Normalmente  quelle un po’ più flessibili sono quelli con durata da 3 a 9 anni, che prevedono dei preavvisi per lasciare l’alloggio di non più di 3 mesi e con delle penali contenute ( da 1 a 3 mensilità). Nei prossimi paragrafi troverai qualche dettaglio.

LOCAZIONE DI 9 ANNI
Il contratto ha una durata di nove anni. Si conclude alla fine di questo periodo , a condizione che l’inquilino o il proprietario risolvano il contratto con un preavviso di sei mesi. Se nessuna delle parti pone fine al contratto, lo stesso è esteso, alle stesse condizioni, ogni per tre anni. Ciascuna delle due parti ha la facoltà di risolvere il contratto di locazione esteso con preavviso di sei mesi ogni tre anni, senza motivo e senza indennizzo .
Durante il periodo di 9 anni , il locatore ha il diritto di recedere dal contratto, dando sei mesi  di preavviso:
• quando  prevede di occupare la proprietà per se stesso o per dei suoi parenti ;
• in caso di modifiche consistenti all’appartamento, ma solo alla fine di ogni periodo di tre anni;
• senza causa e dietro pagamento di un importo pari a 9 mesi dell’affitto al termine dei primi 3 anni e 6 mesi di contratto.
L’inquilino può recedere dal contratto, dando tre mesi di preavviso. Si dovra pagare un risarcimento solo per i primi tre anni. Nel corso del 1 ° anno, si tratta di un importo pari a tre mesi di affitto, nel secondo anno 2 mesi di affitto e nel terzo anno per un mese di affitto.
Se il contratto di locazione non è stato registrato entro il termine legale di due mesi, l’inquilino può, anche dopo molto tempo, risolvere il contratto senza rispettare il preavviso di 3 mesi, e senza indennizzo. Questo vale anche quando il contratto di locazione non è registrato.
Quando il contratto è per un periodo di 3 a 9 anni, si applicano le stesse regole del contratto di durata di 9 anni.

LOCAZIONE DI BREVE DURATA (3 anni o meno)
Il proprietario o l’ inquilino devono risolvere il contratto  tre mesi prima della scadenza. Né il proprietario né l’inquilino può recedere dal contratto in anticipo. Il contratto può essere prorogato una sola volta a le stesse condizioni, ma il periodo complessivo non può superare i tre anni. Se l’inquilino continua ad occupare i locali dopo la data concordata , il contratto di locazione si trasforma in un contratto di locazione di 9 anni dalla data iniziale del contratto .

LOCAZIONE A VITA
E ‘anche possibile stipulare un contratto di locazione scritto per la vita del locatario . Solo l’inquilino può recedere dal contratto in qualsiasi momento dando tre mesi di preavviso.

ESTENSIONE DEL CONTRATTO
L’inquilino può chiedere una proroga (estensione), sulla base di circostanze eccezionali . Se il proprietario non è d’accordo , il giudice decide . Questo comprende tutti i tipi di contratti di locazione.

Normalmente l’affittuario richiede:

-non più di 2 mensilità anticipate come cauzione da versare in un conto corrente cointestato e a doppia firma, chiamato in francese “garantie locative“. (in poche parole i soldi possono essere sbloccati solo con il consenso di entrambe le parti). Di norma, il conto lo apre l’affittuario presso la sua banca. Tale documento si puo’ effettuare prima della firma e sarà dato al proprietario dell’appartamento solo alla consegna delle chiavi. Su come aprire un conto in banca in Belgio, potete trovare qualche info qui.

– di effettuare un sopralluogo per definire lo stato dell’immobile. Questa puo’ essere fatta da un’agenzia specializzata ma costa abbastanza cara. La “l’état de lieu“, questa la denominazione in francese dell’atto, puo’ essere fatto e sottoscritto anche dalle sole parti. Idem al termine del contratto, quando si lascia l’appartamento, la verifica si compie congiuntamente. Nel caso di danni accertati le somme per le riparazione potranno essere detratte dalla cauzione.

E’ obbligatorio stipulare un’assicurazione sulla casa per coprire i rischi più comuni. Normalmente per un appartamento medio (100 metri quadri, rinnovato, in zona residenziale), senza particolari oggetti di valore all’interno,  questo potrebbe comportare una spesa oscillante tra  300 e 500 euro all’anno, considerando solo le coperture di base. Vi consigliamo di valutare almeno 2-3 preventivi prima di decidere.

Nel caso vi trasferiste in diversi alloggi  o vi trasferiste in un altro Stato ricordatevi di darne comunicazione al comune di residenza in Belgio.

Vi raccomandiamo di NON EFFETTUARE NESSUN VERSAMENTO PRIMA DI AVERE RICEVUTO LE CHIAVI DELL’IMMOBILE. LE TRUFFE SONO SEMPRE IN AGGUATO.

Nel caso dovreste avere dei problemi con il locatario vi suggeriamo di rivolgervi direttamente  ad un sindacato di inquilini in Belgio. Ve ne sono presenti in ogni provincia e nei comuni piu’ grandi.

In questa post troverete una lista per l’area di Bruxelles.